salvador

aulestia

“Donne senza tempo”

Le donne senza tempo di

Salvador Aulestia

25 lavori che vanno dal 1986 al 1990, totalmente inediti, che ben rappresentano il culmine del periodo “milanese” dell’artista. Si tratta di opere dedicate interamente all’universo femminile, “Donne senza tempo”, elaborate e celebrate nel loro aspetto archetipico, simbolico, emotivo e da sempre soggetto principe dei suoi lavori espressionisti.

l’artista

 

 

 

Salvador Aulestia “artista” è veramente impressionante per la forza espressiva che si ritrova nei suoi lavori, nei quali il segno e il colore agiscono con intensità incredibile, lasciandoci a volte ammirati, altre stupiti, mai indifferenti. E’ impossibile restare impassibili di fronte ad un suo lavoro. In ogni caso ci cattura ipnoticamente, con la forza simbolica e compositiva delle sue immagini. Una volta conosciuti, i suoi lavori si riconoscono senza difficoltà per lo stile unico e per la sua personalità, che pervade ogni opera da lui creata, che si tratti di pittura, scultura, disegni, fino agli scritti, alle musiche e i grandi progetti

Salvador Aulestia

 

Salvador Aulestia
“Mari dove vai?”
acrilico su tela
80x60cm
“Dal mio punto di vista, più astratto e più sintetico, penso che sarebbe importante fomentare la crescita e lo sviluppo spirituale dell’essere umano, considerato come un ente reale capace di fini trascendenti, e non meramente come una macchina da lavoro meccanico. Il pragmatismo e il materialismo rabbiosi sono i grandi mali della civiltà moderna, sottomessa totalmente alla tirannia della tecnica e alle leggi dei sistemi economici. Lo sviluppo dell’arte della letteratura, della religiosità e della scienza pura, spogliati del loro aspetto pragmatico e utilitario, potrà essere di grande aiuto.”
(Salvador Aulestia – Diario de Barcelona – 6 settembre 1966).
Salvador Aulestia
“Hanno ancora molto tempo”
1989 – acrilico su tela
100x80cm
La sua arte è fantastica e si produce come un veicolo per l’esplorazione dell’invisibile.Vero Ermeneuta, la sua opera è fantastica e brilla nelle tenebre orgogliosamente, senza paragone possibile. In realtà, l’arte fantastica si produce in conseguenza di straordinarie personalità, e Salvador Aulestia lo è. Perciò, l’arte fantastica è un’arte di eccezione irripetibile come scuola, e solo i veggenti possono tentare qualcosa in questo senso che ci allontana dalla realtà, dalla realtà volgare e quotidiana che copre come un velo l’essenza delle cose. Proprio questo era il sentimento che Rimbaud esprimeva al domandarsi: “la vita reale è altrove?”.

Juan Perucho

 

Salvador Aulestia
“Ricordo di un’equazione sentimentale”
1986 – acrilico su tavola
100x70cm
Salvador Aulestia
“Il rimorso certo”
1989 – acrilico su tela
100x80cm
Salvador Aulestia
al lavoro nel suo studio
Salvador Aulestia
“Donna senza tempo”
1986 – acrilico su tela
100x70cm
Salvador Aulestia
“All’indomani dell’incontro”
1989 – acrilico su tela
60x100cm

Le figure del maestro spagnolo suggeriscono ammiccanti, talvolta perfino divertite, la sensualità, comunicano all’osservatore la loro femminilità esplosiva attraverso un’ampia gamma di pose e gesti inaspettati. Le molte donne dipinte da Aulestia sembrano consapevoli del fatto di essere coinvolte nel gioco del ritratto, coscienti di essere spiate dall’occhio dell’artista per venire, in seguito, destrutturate geometricamente dal suo pennello. Si tratti di figure singole o di doppi ritratti femminili, il catalano geniale ha restituito alcune interessanti istantanee pittoriche in cui il corpo della donna è protagonista, concepito come una scultura a tutto tondo e dipinto secondo i canoni di una personale rilettura della scomposizione cubista, come nell’opera “Via libera al desiderio”.

Sarah Lanzoni

Salvador Aulestia
Ore incerte del tardo pomeriggio
1986 – acrilico su tela
100x80cm
Salvador Aulestia
“Ore incerte del tardo pomeriggio”
1986 – acrilico su tela
100x80cm
Salvador Aulestia
“Colloquio senza successo”
1988 – acrilico su tela
100x80cm
Le mostre. Dopo la sua prima mostra, nel 1936, a Barcellona, ha tenuto più di 70 personali in tutto il mondo, tra cui, negli anni Cinquanta, otto negli Stati Uniti, tra New York e Los Angeles. In Italia, ha tenuto, nel 1980, una personale, a Milano, a Palazzo Reale. Ha partecipato a manifestazioni con i principali artisti della sua generazione. 

Le Biennali. Aulestia è stato invitato alle principali Biennali del mondo. Tra queste, quella di San Paolo ( Brasile), quelle ispano americane di Barcellona, New York e Parigi, oltre naturalmente a quella di Venezia, dove, ha anche rappresentato la Spagna, nel 1968, con una sala personale. 

Musei. Le sue opere sono presenti in diversi musei, tra cui i Musei di arte contemporanea di Barcellona, Madrid e Las Palmas, i Musei d’arte moderna di Parigi e Berna, la Kunstakademie di Düsseldorf e la Pinacoteca di Brera a Milano.

Salvador Aulestia
“Il pronostico è un po’diverso”
1989 – acrilico su tela
120x80cm
Salvador Aulestia
“Modesto discorso”
1989 – acrilico su tela
90x80cm
8Salvador Aulestia
“Ma non è nata ieri”
1986 – acrilico su tela
80x60cm
Salvador Aulestia
“La donna dell’orticello”
1990 – acrilico su tela
47x34cm
{
Si. Ho avuto il privilegio di conoscere da vicino e profondamente, anche nel quotidiano, il grande maestro Salvador Aulestia, del quale cercherò di raccontarvi qualcosa su l’Uomo/Artista, lasciando alla critica l’approfondimento sui suoi lavori.

 

Luca Temolo Dall'Igna

Disponibile il catalogo

300 esemplari – a colori – 52 pagine

Salvador Aulestia – “Donne senza tempo”

SHOWROOM

Milano
Via Gaudenzio Ferrari 3
+39 02 39287513

OPEN HOURS

Lun-Sab: 10-13 | 16-19
Domenica: chiuso
Altri orari su appuntamento

Subscribe

Pin It on Pinterest

Share This